Toyota Prius Prime, il futuro avanza a… 1.4 l/100km!

Prius Prime, ovvero la Prius “più all’avanguardia”: ha debuttato il 23 marzo al salone internazionale di New York, in anteprima mondiale!
La casa giapponese si è presentata con un’ibrida plug-in dai consumi eccezionalmente bassi, supportati da un’autonomia in modalità elettrica superiore ai 50km.

 

Stile unico

Toyota Prius Prime Back
 
Profilo e linee decise conferiscono all’auto un profilo più basso e una maggiore presenza su strada. Rispetto al modello precedente, Prius Prime è più lunga di 165mm, più larga di 15mm e più bassa di 20mm.

Scelte aerodinamiche studiate, come il doppio vetro del portellone posteriore e la presa d’aria della calandra anteriore, chiudibile quando non è necessario raffreddare il radiatore, permettono alla vettura di raggiungere un coefficiente di attrito pari a 0,24, tra i più bassi raggiungibili sulle berline di serie.

Toyota Prius Prime Fari
 
 
La Prius Plug-in esprime la sua unicità grazie alla distintività dei gruppi ottici anteriori e posteriori a LED.

Per quanto riguarda i materiali, la Prime adotta l’alluminio per il cofano, un polimero misto a fibra di carbonio per il portellone posteriore e acciaio ad elevata elasticità nella scocca.


Motore e prestazioni

Toyota Prius Prime Back
 
Il propulsore è un quattro cilindri 1.8 a ciclo Atkinson, rivisto al fine di ottenere una migliore efficienza nella resa termica, nella resistenza agli attriti e nella combustione.
Grazie al gruppo di batterie agli ioni di litio da 8.8 kWh, la vettura può raggiungere la velocità di 135 Km/h senza ricorrere al motore a benzina. Le batterie possono inoltre essere ricaricate “alla spina” in 5.5 ore utilizzando un connettore domestico standard, oppure in sole 2.3 ore sfruttando un’uscita a 230V e il connettore Mode 2 (Mennekes).

Sul tetto è presente un pannello solare che produce energia elettrica, inviata poi ad una batteria dedicata. L’insieme di questi accorgimenti permettono di ottenere consumi sul ciclo combinato pari a 1,4 litri per 100km. Le emissioni di CO2 ammontano a soli 32 grammi per Km.

Per climatizzare l’abitacolo è stata inoltre ridotta la richiesta d’uso del motore a benzina, viene infatti usata una pompa di calore con iniezione di gas per raffreddare o scaldare l’ambiente. Inoltre, non richiedendo potenza al motore, il sistema di climatizzazione/riscaldamento potrà essere usato anche quando il motore è spento. A completare l’opera, un sensore riconosce se il sedile è occupato, evitando quindi di inviare aria calda/fredda verso un posto vuoto.


Gli interni

ToyotaPriusPrimeInterni
 
Al suo interno, Prius Prime adotta delle soluzioni esclusive: tra tutte, il display da 11.6″ in qualità HD abbinato all’head-up display a colori. La strumentazione, come di consueto su tutte le Prius, è collocata al centro della plancia, sfruttando uno schermo TFT da 4.2″ con display configurabili.

Non mancano i comandi vocali, una suite di app dedicate, la compatibilità con Ipod e, per gli utilizzatori di iPhone, l’assistente Siri Eyes Free


La sicurezza

Prime adotta il pacchetto Toyota Safety Sense P, dotato di telecamera e radar a onde millimetriche: tra le funzioni avanzate spiccano:

  • Pre-Collision system con il rilevamento dei pedoni
  • Road Sign Assist per il riconoscimento della segnaletica stradale
  • Lane Departure Alert che avvisa in caso di superamento corsia con assistenza allo sterzo
  • Abbaglianti automatici
  • Dynamic Radar Cruise Control

Infine, sulla Prime è disponibile l’Intelligent Parking Assist, grazie al quale l’auto può sterzare da sola per parcheggiarsi in parallelo o perpendicolarmente.

Categoria:News Tag: ,,,
Commenti da utenti Facebook
Lascia un commento